buzzoole code

Viaggiare in pullman

Double decker in Bangkok | Traveling by bus

Last updated on 28/04/2017 at 17:16:52

Quando si è in viaggio ci sono molti modi per raggiungere il punto B dal punto A: a piedi, in auto, con l’aereo ecc. Uno dei miei preferiti, come ormai avrai capito dal titolo, è il pullman! Ho viaggiato in sud America per tre mesi e in quel periodo l’unico mezzo di trasporto possibile erano i pullman, quindi credo sia tutto cominciato da lì.

Quando ero piccolo non ricordo molti viaggi in pullman né qualcuno che mi sia piaciuto particolarmente. Ricordo inveceun’infernale traversata dalla Toscana fino in Danimarca con la scuola: MAI PIÙ. Ma questo non è l’argomento dell’articolo.

A ogni modo, le distanze in Brasile, per esempio, non erano sicuramente più brevi di quella, ma la situazione è diversa. Può darsi sia perché i pullman erano più comodi, potevo vedere molti paesaggi da togliere il fiato o forse era soltanto l’idea di essere in viaggio che era più che sufficiente per farmi apprezzare tutto.

Mi ricordo, durante uno spostamento notturno in Argentina su un pullman a due piani, che ero in prima fila al piano superiore: solo il parabrezza davanti e poi una meravigliosa notte piena di stelle! Ho anche scoperto come gli autisti comunicano durante la notte agli altri pullman o camion di fronte a loro: se vogliono sorpassare, danno un colpo di clacson verso il veicolo che li precede. Questo risponde e accende una freccia: se è la sinistra, via libera al sorpasso, nessuno sta arrivando. Se è la destra, rimanere dietro e aspettare. Ammetto che questo metodo mi ha sorpreso molto e mi chiedevo chi l’abbia inventato eheh.

Front seats - Luca Travels Around

Non si parla all’autista!

Sono stato su molti pullman, alcuni con dei servizi fantastici come i sedili completamente reclinabili, hostess che servono cibo e bevande, coperte, guancialini e cuffie, come su un aereo, altri invece così sovraffollati che sembrava di essere un tetramino (i pezzetti del Tetris), altri ancora erano letteralmente scuolabus con ruote extra large, capaci di guadare fiumi.

Sono una persona estremamente curiosa e un’altra cosa che mi piace è osservare gli altri passeggeri. Ehi, non sono uno stalker o un maniaco! Semplicemente, e questo vale anche per gli altri mezzi di trasporto, provo a indovinare da dove vengano o cosa facciano nella vita semplicemente guardando i loro vestiti o ciò che portano, la loro nazionalità quando mi accorgo che sono viaggiatori e cose così. Si può dire che è una specie di gioco, per passare un po’ di tempo, ma vedere tutte queste persone è anche qualcosa che mi affascina, con le loro storie e le loro origini, insieme sulla stessa strada, incrociamo le nostre vite anche se per un piccolo lasso di tempo.

Logicamente però, non è sempre comodo viaggiare in pullman. Poi trovare sedili stretti o rigidi, bagni fuori servizio, schermi tv antidiluviani (quando funzionano), passeggeri fastidiosi (e questi non mancano mai…) ma alla fine quando le luci si spengono e piomba il silenzio non te ne frega più niente.

E te? Qualche storia da raccontare di un viaggio in pullman? Io, ad essere onesto, non vedo l’ora di farne un altro!

Piaciuto? Pinnalo!

Traveling by bus

Related Articles

Rispondi